Wine Wedding

Non mi stancherò mai di dirlo, ma il mio adorato Monferrato, è la cornice perfetta per un matrimonio, in qualsiasi stagione e di qualsiasi tipologia.

by Ingrid Moro • News

i-LoveDay nasce tra le colline del Monferrato, e come tale, è amante del buon cibo, del buon vino e dell’essere spiazzati da quello che la natura offre, non solo a livello gustativo ed olfattivo ma anche visivo.

Non mi stancherò mai di dirlo, ma il mio adorato Monferrato, è la cornice perfetta per un matrimonio, in qualsiasi stagione e di qualsiasi tipologia.
Con le sue ville e castelli è possibile avere qualcosa di più classico, romantico e chic, con i suoi agriturismi invece qualcosa di country, ma con i suoi vigneti e le cantine, qualcosa invece di selezionato ed estremamente elegante.

Un perfetto matrimonio con il tema del vino, oltretutto sempre più in voga in questi ultimi anni, inizia con la scelta della location, dove sarà palese la voglia condivisa dei futuri sposini di improntare il gran giorno sui sapori e sui colori della terra e senza dubbio sul valore della tradizione.

I colori del wine wedding sono naturalmente il rosso vinaccia, il viola scuro, il bianco e il verde che faranno bella mostra dappertutto: dal bouquet della sposa, magari fatto di rose bordeaux e bianche o di margherite e vistose foglie di vite, sui banchi della chiesa, all’ingresso della location così come nei centrotavola che dovranno rimarcare il tema scelto, sfruttando al meglio tutte le sfumature ed i colori scelti, magari con uva e foglie di vite.

L’aperitivo di benvenuto, perchè non farlo proprio tra i vigneti, ovviamente se sono adiacenti alla location, magari facendo trovare pronti degli stivali in gomma per gli invitati.
Mentre invece per il pranzo, sfruttate il più possibile il panorama, quindi scegliete location che abbiano terazze fatte apposta per farvi gustare anche con gli occhi, oppure se la stagione non lo permette, optate per le cantine.

Tappi di sughero con intagliati i nomi degli invitati, grappoli di uva colorati di vetro soffiato, magari dei cavatappi di design, spunti originali per i segnaposto, o tableau de marriage.
Bottiglie di vino con etichette artistiche o di design invece per il cadeau da donare agli ospiti.

Per quanto riguarda il menù, beh, c’è solo l’imbarazzo della scelta, agnolotti, tajarin, brasato al barolo, carne cruda al coltello, tomini, baci di dama, krumiri, bonet, gianduiotti … ma oltre ai vini scelti sapientemente dal sommelier in abbinamento ai piatti, un’altra ottima idea sarebbe quella di adibire un angolo alla degustazione dei vini d’annata, in grado di deliziare anche i palati più esigenti.

Un ottimo connubio di tutto questo, è la Canonica di Corteranzo, che nasce a cinque minuti da Murisengo e circa un’ora da Torino.
“La Canonica nasce come casa di caccia nobiliare, alla fine del Seicento. Fino agli anni ’70 il maestoso edificio principale fu la dimora del parroco di Corteranzo, e molte volte ricevette la visita del vescovo. Questo luogo è ricco di significati per la sua comunità.
Nel 2003 la Canonica divenne proprietà della famiglia Calvo, che da cinque generazioni coltiva la migliore tradizione vitivinicola del Monferrato nella Tenuta Isabella. La particolarità dell’azienda infatti, è la produzione e vendita di vini propri, il wine-tasting, e le degustazioni di prodotti locali.”

Per informazioni maggiori consultate il sito internet:
www.canonicadicorteranzo.it

#ILoveDay

Siete pronti per il vostro matrimonio?

Contattami per avere consigli, idee o richiedere ulteriori informazioni sui miei servizi.